Educazione civica e telefonini

Negli scorsi giorni si è parlato del divieto «salvo casi particolari specifici, di utilizzo del cellulare e di altri dispositivi elettronico-digitali nei luoghi e negli orari dell’attività didattica».

Siamo in effetti solo agli inizi dell’iter in Commissione cultura della Camera della proposta che riporta l’educazione civica nella scuola primaria e secondaria. Nell’atto Camera 734, che gode già di un consenso trasversale si legge: “In una società come la nostra, in cui i rapporti sociali sono sempre più spesso mediati dalle tecnologie digitali, è indispensabile trasferire ai giovani non solo le cognizioni tecnico-pratiche occorrenti per l’utilizzo dei dispositivi elettronici, ma anche un insieme di regole di convivenza e di rispetto dell’altro, in funzione di prevenzione e di contrasto di condotte suscettibili di degenerare in bullismo e cyberbullismo”.  Va comunque precisato che dalla Lombardia alla Sicilia, alcuni Dirigenti Scolastici precursori dei tempi, senza aspettare il legislatore hanno già provveduto per conto loro a vietare i telefonini con semplici e sensate circolari interne. L’inibizione da quello che si apprende, dovrebbe essere estesa anche ai professori. La discussione su questo punto è avviata; l’ipotesi è quella di lasciare i cellulari in presidenza e per le chiamate di emergenza far riferimento alla segreteria.

Al di la di quello che sarà il fulcro della discussione dei prossimi mesi, va però ricordato che la proposta dell’introduzione dell’Educazione Civica nelle scuole, telefonini a parte, si caratterizza di 4 articoli. In essi si stabilisce tra l’altro un monte ore annuale di 33 ore, «da affidare ai docenti dell’area storico-geografica nelle scuole secondarie di primo grado e ai docenti dell’area economico-giuridica nelle scuole secondarie di secondo grado». È previsto che nella scuola secondaria di primo grado l’educazione civica sia «oggetto di esame di fine ciclo». Si istituisce inoltre un premio annuale per l’educazione civica «destinato a premiare le esperienze migliori in materia di educazione civica in ogni ordine e grado di istruzione»

Annunci